Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Occhipinti Sergio

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nato a Savona nel 1981
  • Laureato in Biotecnologie Mediche presso l’Università degli studi di Torino
  • PhD in Immunologia Molecolare presso l’Università degli studi di Torino

2018

Un test delle urine per lo screening del tumore alla prostata

Studi recenti suggeriscono che l’infertilità maschile possa essere un segnale del rischio di sviluppare una forma aggressiva di tumore alla prostata, la seconda malattia oncologica più comune negli uomini in tutto il mondo. La principale funzione della prostata è quella di produrre il liquido seminale contenente elementi fondamentali alla sopravvivenza e alla motilità degli spermatozoi. Quando una cellula sana diventa tumorale può andare incontro a profonde trasformazioni. Questo suggerisce che lo sviluppo di un tumore all’interno della prostata possa pregiudicare la composizione del liquido seminale. Dato che il tratto urinario è in stretto contatto con la prostata, i fattori prodotti da essa possono essere facilmente raccolti e analizzati nell’urina. Obiettivo del progetto è identificare marcatori nelle urine in grado di discriminare meglio dell’attuale test del PSA gli uomini in cui si è sviluppato un tumore alla prostata e gli uomini con una prostata sana. Questo permetterebbe di ridurre fortemente il numero di biopsie inutili, abbattendo i costi per il sistema sanitario e il peso sociale, in termini di disagio per il cittadino. Si cercherà anche di capire se l’analisi delle urine possa dare informazioni utili anche sul livello di aggressività del tumore, nell’ottica della scelta di una terapia personalizzata.

Il progetto vuole identificare nuovi marcatori di presenza e aggressività del tumore alla prostata misurabili dalle urine e più precisi del PSA.

Dove svolgerà il progetto:

Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza, Torino

Area

Oncologia