Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Vacca Valentina

NOTE BIOGRAFICHE:

  • Nata a Cassino (FR) nel 1984
  • Laureata in Neurobiologia all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
  • PhD in Farmacologia all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza

Quel dolore che colpisce le donne (leggi l'intervista)

2017

Differenze di genere nel dolore: ruolo del glucosio e dell'NGF

Il dolore neuropatico è una condizione patologica con gravi conseguenze debilitanti nei pazienti, soprattutto nelle donne. I neuroni ricavano dal glucosio l’energia necessaria per il loro metabolismo: la loro corretta funzionalità è garantita da un regolare e costante apporto di questo zucchero, approvvigionato dal circolo sanguigno. I neuroni infatti sono cellule particolarmente sensibili alle variazioni del livello di glucosio.


È stato dimostrato che alte concentrazioni di questo zucchero causano l’attivazione di una serie di vie metaboliche alternative, i cui prodotti generano danni neuronali conosciuti come neurotossicità da glucosio. In questo progetto ci si propone di studiare il ruolo della neurotossicità da glucosio” nello sviluppo del dolore in seguito all’attivazione di una via metabolica alternativa in particolare, quella dei polioli (carboidrati idrogenati comunemente usati come edulcoranti). Uno degli enzimi coinvolti in questa via metabolica, l’aldoso reduttasi, serve a trasformare il glucosio in sorbitolo: la sua attività e l’accumulo di sorbitolo sembrano essere strettamente collegati al danno, e al calo di uno dei più importanti fattori di crescita nervosa, l’NGF (Nerve Growth Factor). Si studierà quindi il ruolo dell’enzima sia nella modulazione dei livelli di glucosio, sia nella regolazione di NGF.


I risultati aiuteranno a chiarire se la neuropatia sia potenzialmente prevenibile con una dieta povera di glucosio, o trattabile con inibitori dell’enzima o farmaci che reintegrino l’NGF, oggi utilizzati nella sperimentazione clinica per altre patologie.

DOVE SVILUPPERA' IL PROGETTO

Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Roma