Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Il riconoscimento, voluto dalla Società Italiana di Urologia nell'ambito del progetto Pianeta Uomo, al giornalista Fabio Di Todaro

Il premio "Blogger in Action: l'uomo che vorrei" alla Fondazione Veronesi

È Fabio Di Todaro, giornalista della Fondazione Veronesi, il vincitore della prima edizione del premio "Blogger in Action: l'uomo che vorrei", voluto dalla Società Italiana di Urologia nell’ambito della kermesse 2015 del progetto educazionale Pianeta Uomo. La giuria, presieduta da Giuseppe Morgia (direttore della clinica urologica dell’Università di Catania e presidente di Pianeta Uomo)  e composta da Luigi Ripamonti (responsabile del Corriere Salute), Annalisa Olivotti (biologa nutrizionista, esperta in nutrigenetica), Roberto Franchi (imprenditore, esperto di comunicazione digitale) e Andrea Provenzani (chef) ha riconosciuto la valenza del servizio dal titolo "La fertilità dei maschi va protetta sin da bambini" (nella foto), pubblicato sul nostro sito l'1 luglio 2015. 

La premiazione è avvenuta sabato 19 settembre, nell’ambito dell'appuntamento scientifico Pianeta Uomo. A consegnare il riconoscimento i professori Giuseppe Morgia e Vincenzo Mirone (ordinario di urologia all'Università di Napoli e segretario generale della Società Italiana di Urologia). Obiettivo del premio era promuovere l’attenzione dei media ai temi legati alla salute dell’uomo in tutte le fasce d’età, con particolare riferimento a quella dell’apparato urologico, a quella sessuale e al benessere psicofisico. Di seguito le motivazioni che hanno permesso a Fabio Di Todaro di conseguire il riconoscimento: «Con il servizio selezionato dalla giuria, il giornalista ha posto l'attenzione sulle problematiche legate alla salute sessuale dei più piccoli, come il criptorchidismo e il varicocele, facendo riferimento anche al ruolo degli stili di vita nella determinazione della salute del futuro adulto. Tutto ciò con un linguaggio chiaro e divulgativo, in grado di raggiungere in maniera efficace la platea dei lettori».