Chiudi
Oncologia

Covid-19: cosa sappiamo dell'impatto sui malati di cancro

pubblicato il 30-12-2020

La pandemia di Covid-19 ha ritardato diagnosi e interventi. Pazienti oncologici più a rischio in caso di infezione. Ma le cure non vanno sospese

Covid-19: cosa sappiamo dell'impatto sui malati di cancro

Esami diagnostici rimandati. Interventi posticipati. L'anno che si appresta a concludersi ha aggiunto una ulteriore difficoltà lungo la strada dei malati di tumore: quella rappresentata da Covid-19

Fin dall'inizio si è infatti capito che i pazienti oncologici rappresentano una delle categorie più a rischio, in caso di infezione da Sars-CoV-2. E, nello specifico, alcuni di loro. Coloro per esempio che sono in trattamento in questa fase con farmaci che sopprimono la risposta immunitaria. Così come i pazienti più anziani (perché alla malattia si aggiunge un altro fattore di rischio, l'età) e quelli che sono alle prese con una malattia del sangue o del sistema linfatico (leucemie, linfomi e mielomi). Al contempo, però, le diverse forme di cancro non possono attendere la fine della pandemia. Vanno curate quanto prima, se già presenti. O scovate senza eccessivi ritardi, se si ha la sfortuna di sospettare una diagnosi in un periodo già caratterizzato da un'emergenza sanitaria. 


Con questo articolo, vogliamo riproporvi tutti gli articoli pubblicati nel 2020 in cui abbiamo raccontato le ricadute del Covid-19 per i pazienti oncologici. Dall'impatto sulle diagnosi alle scelte da compiere in vista di un intervento, dalla gestione delle ricadute psicologiche in un periodo così delicato alla sicurezza delle terapie farmacologiche somministrate negli ospedali.

Abbiamo a cuore i pazienti più fragili

Abbiamo a cuore i pazienti più fragili

Non fermare la ricerca


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare


Una serie di informazioni che speriamo possano risultare utili a chi è già in cura e a chi riceverà una diagnosi oncologica nei prossimi mesi.

 

 

COME COVID-19 COLPISCE
I MALATI DI CANCRO?



 

IL VACCINO ANTI COVID-19 E I MALATI DI CANCRO: DOMANDE E RISPOSTE

Leggi l'articolo

 


LE TERAPIE ONCOLOGICHE SONO SICURE ANCHE AI TEMPI DI COVID-19

Leggi l'articolo

 


TUMORI PEDIATRICI: DIAGNOSI IN CALO E CURE TARDIVE DURANTE LA PANDEMIA

Leggi l'articolo

 


COVID-19 E IMMUNOTERAPIA: LE CURE ANTICANCRO POSSONO CONTINUARE

Leggi l'articolo

 


«CRONICIZZARE» IL TUMORE: UNA SFIDA ANCHE PER LA MENTE

Leggi l'articolo

 


SCREENING ONCOLOGICI IN RITARDO A CAUSA DEL COVID-19

Leggi l'articolo

 


COVID-19 E TUMORE DEL COLON-RETTO: NON RIMANDARE LO SCREENING

Leggi l'articolo

 


CORONAVIRUS: TUMORE AL SENO, COSA FARE CON LA TERAPIA ORMONALE?

Leggi l'articolo

 

 

MELANOMA: NON ABBASSARE LA GUARDIA IN TEMPI DI COVID-19

Leggi l'articolo

 


LA STORIA DI SILVANA: «COSÌ HO AFFRONTATO IL TUMORE DURANTE LA PANDEMIA»

Leggi l'articolo

 


FATIGUE DA CANCRO: COME SUPERARLA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Leggi l'articolo

 


I CONSIGLI PER PERDERE PESO (SENZA RISCHI) DURANTE LE CURE ONCOLOGICHE

Leggi l'articolo

 


ONCOLOGIA E CORONAVIRUS: 7 REPARTI SU 10 NON SI SONO FERMATI

Leggi l'articolo

 


COVID-19: I RAGAZZI MALATI DI CANCRO INSEGNANO A VIVERE L'ISOLAMENTO

Leggi l'articolo

 

 

COME OPERARSI DI CANCRO IN SICUREZZA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Leggi l'articolo

 

 

COVID-19 E CANCRO: QUEL LEGAME INVISIBILE CHIAMATO MALNUTRIZIONE

Leggi l'articolo

 

 

COVID-19 E TUMORE DEL POLMONE: COME COMPORTARSI? 

Leggi l'articolo

 

 

LA LUNGA «EREDITÀ» DEL COVID-19 SULLA SALUTE DEI POLMONI

Leggi l'articolo 

 

 

COVID-19: LE PERSONE IMMUNODEPRESSE NON DEVONO SOSPENDERE LE CURE

Leggi l'articolo

 


COVID-19: LA PANDEMIA RACCONTATA DA CHI SI PRENDE CURA DEI MALATI DI CANCRO

Leggi l'articolo


 

Non fermare la ricerca.
Dona ora per i pazienti più fragili.

Fabio Di Todaro
Fabio Di Todaro

Giornalista professionista, lavora come redattore per la Fondazione Umberto Veronesi dal 2013. Laureato all’Università Statale di Milano in scienze biologiche, con indirizzo biologia della nutrizione, è in possesso di un master in giornalismo a stampa, radiotelevisivo e multimediale (Università Cattolica). Messe alle spalle alcune esperienze radiotelevisive, attualmente collabora anche con diverse testate nazionali ed è membro dell'Unione Giornalisti Italiani Scientifici (Ugis).


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina