Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Oncologia
Daniele Banfi

Pembrolizumab: l'immunoterapia è la prima arma contro il tumore del polmone

pubblicato il 26-05-2017
aggiornato il 21-06-2017

Pembrolizumab è il primo immunoterapico approvato in prima linea contro il tumore del polmone. Sarà anche il primo farmaco prescritto in base a caratteristiche molecolari dei tumori e non alla sede

Pembrolizumab: l'immunoterapia è la prima arma contro il tumore del polmone

Svolta nel trattamento del tumore del polmone: da oggi AIFA ha deciso che l'anticorpo pembrolizumab, un farmaco immunoterapico usato prevalentemente per combattere il melanoma, potrà essere somministrato come prima linea -ovvero come prima scelta di trattamento- in quelle persone affette da carcinoma polmonare non a piccole cellule aventi alti livelli del marcatore PD-L1. Una vera e propria rivoluzione se si pensa che sino ad oggi pembrolizumab poteva essere somministrato solo quando la chemioterapia classica non aveva effetti (somministrazione in seconda linea).

 

CHE COS'E' L'IMMUNOTERAPIA

Da qualche anno l'immunoterapia è entrata di diritto tra le opzioni terapeutiche -dopo chirurgia, chemioterapia e radioterapia- utili per combattere i tumori che sono già in metastasi. Il concetto che sta alla base di questo approccio è pilotare il sistema immunitario affinché possa rispondere in modo adeguato alla presenza di un agente estraneo come il cancro. Ad oggi, tumori che in passato lasciavano poche speranze come il melanoma, con l'immunoterapia possono essere trattati con successo cronicizzando la malattia

 

IMMUNOTERAPIA COME PRIMA SCELTA

Dal 2010 -anno di approvazione di ipilimumab, il primo farmaco immunoterapico della storia- ad oggi per l'immunoterapia è stato un susseguirsi di successi. Tra i più significativi c'è il trattamento del tumore al polmone, un cancro particolarmente aggressivo e difficile da curare. Sino ad oggi nel nostro Paese chi era affetto da carcinoma polmonare non a piccole cellule veniva sottoposto in prima battuta a chemioterapia. Solo successivamente poteva accedere a farmaci immunoterapici come il pembrolizumab. Ora con la decisione di AIFA tutto cambia. Gli oncologi, valutato il caso, potranno dedidere si somministrare il farmaco anche come prima linea.

 

PEMBROLIZUMAB BLOCCA LA CAPACITA' DEL SISTEMA IMMUNITARIO DI SPEGNERSI 

L'anticorpo in questione ha la capacità di bloccare la naturale predisposizione del nostro sistema immunitario di spegnere l’eccessiva risposta. Risultato? Cellule immunitarie molto più attive capaci di attaccare il cancro. Un risultato ottenibile solo se il tumore al polmone esprime sulla sua superficie la molecola PD-L1, una proteina che viene messa fuori uso da pembrolizumab.  

 

CURARE IL TUMORE NON PER SEDE MA PER CARATTERISTICHE MOLECOLARI

Ma le novità non finiscono qui perché il farmaco in questione, che si è già dimostrato attivo anche in altri tumori, ha da poco ricevuto dall'FDA (l'ente statunitense che si occupa dell'autorizzazione alla commercializzazione dei farmaci) un importante riconoscimento. Sino a poco tempo fa la tendenza degli oncologi è sempre stata quella di somministrare dei farmaci in base alla localizzazione del tumore primario. Ora, con una decisione senza precedenti, FDA ha dato indicazioni che pembrolizumab potrà essere utilizzato in tutti quei tumori che esprimo elevati livelli di PD-L1 (la proteina di superficie da inattivare in quanto causa dello spegnimento del sistema immunitario) indipendentemente dalla loro localizzazione. Una presa di posizione importante che dimostra ancora una volta l'importanza di conoscere le caratteristiche genetiche della malattia.

 

Daniele Banfi
Daniele Banfi

Giornalista professionista è redattore del sito di Fondazione Umberto Veronesi dal 2011. Laureato in Biologia presso l'Università Bicocca di Milano – con specializzazione in Genetica conseguita presso l'Università Diderot di Parigi- ha un master in Comunicazione della Scienza. Collabora con diverse testate nazionali.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video