Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora

Le ricette di marco bianchi

18-04-2018

aggiornamento dell'articolo pubblicato il 10-02-2018

Marco Bianchi è cuoco per passione, divulgatore scientifico per la Fondazione Umberto Veronesi e Ambassador di EXPO Milano 2015. Promuove i fattori protettivi della dieta e le regole della buona alimentazione. Autore di numerosi libri, nel 2013 per Fondazione Umberto Veronesi ha pubblicato, insieme a Lucilla Titta, I cibi che aiutano a crescere, edito da Mondadori Electa. Con la Fondazione Veronesi ha ideato il progetto Bimbi in cucina, mamme in classe, portando con grande allegria grandi e piccini a scuola di salute e di sapori. Il ricettario è scaricabile gratuitamente qui.

Pasta rimestata col cavolfiore

Primo piatto
Dalla Sicilia un primo piatto ricco a base di cavolfiore, acciughe, uvetta, pinoli e feta

Pasta rimestata col cavolfiore
per 4 persone
  • 50 g di uvetta
  • 1 cavolfiore piccolo
  • 1 cipolla
  • 1 cucchiaino di zafferano in polvere
  • 3 acciughe sotto sale
  • 50 g di pinoli
  • 320 g di maccheroni integrali
  • feta
  • qualche foglia di basilico
  • olio extravergine di oliva
  • sale

Due rapidi consigli per cuocere le verdure "preziose" per la salute senza sciupare il loro valore nutritivo. La bollitura, infatti, è sicuramente preferibile ad altre cotture (per esempio la frittura) ma può causare una perdita di micronutrienti negli alimenti. Come fare?

Innanzitutto, non buttate l’acqua nella quale avete cotto le verdure: riutilizzandola per lessare pasta, riso o cous cous, i nutrienti usciti dalla porta rientreranno dalla finestra! Secondo consiglio: poca acqua e bollitura rapida.

Se dovete cuocere un ortaggio di grandi dimensioni (come il cavolfiore), riducetelo prima a piccoli pezzi e poi bollitelo per poco tempo: più croccantezza in questo caso significa anche più nutrienti!

Come si prepara

Mettete l’uvetta in ammollo in acqua tiepida per una ventina di minuti, quindi strizzatela.

Lavate e mondate il cavolfiore, ottenendo le cimette, lessatelo in acqua leggermente salata per 6-7 minuti. Scolatelo, tenendo da parte l’acqua di cottura.

Ora, affettate finemente la cipolla e fatela appassire in una padella antiaderente con qualche cucchiaio d’acqua. Unite un goccio d’olio, lo zafferano e lasciate insaporire sulla fiamma al minimo, a pentola coperta.

A questo punto sciacquate e diliscate le acciughe, spezzettatele e scioglietele in poca acqua calda, aiutandovi con una forchetta. Aggiungete in padella l’uvetta, il cavolfiore, le acciughe e i pinoli. Mescolate bene e lasciate cuocere per circa 10 minuti.

Nel frattempo, lessate i maccheroni nell’acqua di cottura del cavolfiore. Scolateli al dente, raffreddateli sotto l’acqua corrente e rovesciateli in padella con il sugo: unite la feta sbriciolata, il basilico spezzettato con le mani, saltate per qualche istante e servite.

(tratto da La mia cucina italiana, Mondadori)

Cerca un piatto o un ingrediente