08-06-2017

Allergie e intolleranze alimentari: come riconoscerle e distinguerle

Risponde Marco Soncini, direttore dell'unità operativa complessa di gastroenterologia, Asst Santi Paolo e Carlo di Milano e tesoriere dell'Associazione Italiana dei Gastroenterologi Ospedalieri (Aigo)

Molti pazienti considerano l'intolleranza alimentare una condizione estremamente comune e anzi probabilmente oggi c'è anche una dieta alla moda per quanto riguarda i vari tipi di intolleranza. Una per tutte è l'intolleranza al glutine, una condizione clinica ben nota che è la fondamentalmente la manifestazione celiaca, della celiachia,  è un'enteropatia immuno-mediata che fondamentalmente dice che il paziente è intollerante al glutine. Esiste anche la possibilità di essere allergico al glutine sono due condizioni distinte che si possono rilevare con due momenti distinti. Ma esiste anche ahimé una ipersensibilità a determinati alimenti e questo accompagna una popolazione ancora più ampia dove fondamentalmente il paziente ipersensibile dichiara e giustamente di star meglio se non assume determinati alimenti, a base anche di glutine. Questa certamente è una condizione clinica che prima di intraprendere una dieta deve essere valutata attentamente dal medico di medicina generale, e dove è possibile anche dal gastroenterologo, perché un conto è iniziare una dieta e avere un sollievo dopo l'inizio di questa dieta, un conto però è poi formulare una diagnosi corretta. Allora se noi ad esempio vogliamo formulare una diagnosi corretta in un paziente e stabilire se è celiaco no. non dobbiamo avere un paziente che già da tempo assume una dieta priva di glutine, perché questo può mascherare oltretutto la sua celiachia quindi rendere più complicata una diagnosi certa. Quindi prima di intraprendere diete di esclusione - questo vale anche per i latticini, questo vale in generale - è opportuno recarsi dal proprio medico di famiglia e dallo specialista gastroenterologo per definire il grado di malattia o la presenza di una vera intolleranza o di un'allergia.